Come saper dire di no

Un NO per vivere meglio

Sappiamo dire “NO“? Quando qualcuno ci fa stare male proviamo frustrazione, rabbia, ma per rispetto cerchiamo di non indugiare oltre e cerchiamo di ristabilire i rapporti.

Il perdono può diventare un’ arma a doppio taglio: ci mette in buona luce ma ci rende anche “troppo” buoni per gli altri. Il rispetto va’ mantenuto, ma le persone che vogliono il nostro male non meritano il perdono facile, quindi nemmeno il rispetto. Preferire un rapporto tossico ad un no?

Eliminare le persone negative dalla nostra vita non é così scontato come dirlo a parole, a volte non sappiamo nemmeno riconoscere le persone tossiche, oppure siamo così masochisti da volerle con noi tutti i giorni, perché non abbiamo alternative.

Ma quali alternative?

Difficile rimanere soli. Essere soli però ci fa’ capire che le solitudine é introspezione, meglio che essere soli in mezzo a persone che ti danneggiano. Non é facile eliminarle perché l’ alternativa é una solitudine che può pesare. Come fare allora?

A volte non serve fare cose straordinarie ma uscire da soli, sperimentare scegliendo cosa ci ispira. Non bisogna pretendere ma desiderare senza che tutto sia tristemente forzato.

Questa é forza. Dire NO ci leva da molti problemi inutili, persone tossiche, compiti scomodi o opportunismo. Sappiamo dire NO quando si vede che cosa ci sarà di bello dopo aver fatto una scelta, averne evitata una ed averne creata un’ altra.

Dire di no implica volere il bene di noi stessi, malgrado ci precludiamo un sabato sera all’ insegna del divertimento perché ci sono persone e contesti che non ci corrispondono, situazioni che non gradiamo affatto. Non è facile perché abbiamo paura di rifiutare un impegno che può tornare utile. Attenti agli opportunisti, perché si possono nascondere bene. Sta a noi riconoscerli per preservare la propria dignità.

Dire di no non costa nulla.

Pensare Minimal