Crescita personale, Interviste, Mindset

Intervista a Francesco Bruno: mindset, lingue ed obiettivi

L’intervista di Pensare Minimal con il poliglotta del Cilento

Francesco Bruno, poliglotta e appassionato di mindset

Mindset, lingue, obiettivi concreti e perseveranza: questo è Francesco Bruno nell’ intervista dedicatagli da Pensare Minimal. Ragazzo di 25 anni cilentano, vanta già innumerevoli interviste fatte alle radio nazionali ucraine( Єден радіо e Вголос ) un’ intervista rilasciata ad un blog ucraino, esperienze come interprete in un’azienda polacca in Italia e in Bulgaria. Fa parte dell’associazione per iperpoliglotti HYPIA, infatti conosce ben 12 lingue!

Nell’ intervista via Google Meet, Pensare Minimal ha posto varie domande a Francesco su temi come l’apprendimento linguistico, il mindset e l’approccio giusto per massimizzare i risultati, dandoci degli spunti molto interessanti per cambiare punto di vista, potenziare il nostro approccio per concretizzare i risultati, consigli pratici su come migliorare.

Confesso in modo molto personale, che durante l’ intervista ero molto emozionato se non orgoglioso di aver avuto questa grandissima opportunità. Pubblicare un’ intervista rilasciata ad un ragazzo così straordinario come Francesco è un vero privilegio.

Tanti sono gli argomenti che abbiamo affrontato. In questo articolo troverete il “cuore” di questa intervista, fatta di emozioni, crescita e passione per lo sviluppo personale.

Gestire il tempo:

Un tema più volte affrontato all’ interno del Blog è la gestione del proprio tempo. Spesso ci chiediamo come avere più tempo da dedicare alle nostre attività e ai nostri progetti, ma in realtà ciò è più facile di quello che tutti noi pensiamo:

Per avere più tempo dobbiamo chiederci come avere più tempo ed avere una forte motivazione oltre che perseveranza

“Quando conosci i tuoi tempi e sai quello che vuoi per conquistare i tuoi obiettivi, cerchi di dare priorità alle cose che vuoi fare”, dice Francesco, affermando che fissarsi degli obiettivi non vuol dire solo avere degli obiettivi da raggiungere, ma anche assaporare il viaggio, fissarsi degli obiettivi da realizzare, fin da subito con decisione e nel concreto.

Da appassionato di culturismo e palestra quale è Francesco, questo pensiero è vero tanto per le lingue quanto per lo sport, ed inevitabilmente si tocca un altro punto importante, ovvero il fallimento, la sconfitta, il perché falliamo o non abbiamo successo.

Affrontare la sconfitta

La motivazione è il “fuoco”, per citare una sua espressione, che ti motiva e ti smuove. Ma chi veramente vuole raggiungere la destinazione finale, deve passare per il fallimento affrontando i problemi che si presentano durante il cammino.

“La paura ed i problemi sono come amici.” Ciò è vero soprattutto quando le cose iniziano a farsi difficili, tanto difficili da indurci a gettare la spugna, facendoci perdere l’ opportunità di imparare una lingua straniera, oppure di avviare un business online.

“Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. “Per molti sarà un’ affermazione scontata, ma applicarla non è mai semplice se già dentro di noi sappiamo che non ce la faremo mai, oppure molleremo alla prima caduta.”

Mentori e ascolto

Francesco su questo punto è cristallino:

Il mentore è importantissimo, per ogni lingua che ho imparato o imparo, ho un mentore

Avere un mentore di riferimento è fondamentale. Ha attraversato le tue stesse difficoltà, ti può insegnare per esperienza diretta o indiretta ciò che è giusto o sbagliato, per questo dovremmo avere qualcuno che ci ispiri, che ci sproni, che ci faccia sognare per agire, che ci dia a disposizione delle risorse ( anche gratuite) per CRESCERE, evolverci con umiltà.

L’ascolto diventa allora la vera skill da imparare.

“Il Conoscere più lingue, le hard-skills, tutto diventa superfluo se non sai relazionarti con il mondo che ti circonda.” Il mondo del lavoro si sta infatti muovendo con una visione più “emotiva” ed “empatica”, dove le soft-skills contano poco più delle conoscenze tecniche di un dato settore.

Data l’esperienza in campo linguistico applicato al lavoro di Francesco Bruno, non si può che essere d’accordo. Molto spesso le persone parlano senza badare troppo a ciò che si afferma, ASCOLTARE è cosa più unica che rara ed è indispensabile se si vuole fare un upgrade significativo.

Parlando di vari argomenti con Francesco, mi sono reso conto di conto che più ponevo domande e più una cosa era evidente: LA PASSIONE.

La passione

La passione trasudava da ogni parola detta, un concetto espresso, le esperienze raccontate.

Uno degli argomenti trattati ad inizio intervista, riportato in questo articolo è LA RAGIONE che ci spinge a nuotare nell’ oceano della vita per inseguire un sogno. Senza passione non c’è futuro. Una delle cose che mi ha raccontato è il suo ruolo chiave nell’azienda a gestione famigliare “I Giardini dell’Olimpo”, a Capaccio Paestum. Lì aiuta il padre nella gestione dell’ impresa entrando in contatto con gli stranieri che alloggiano nella struttura. Questa è decisamente passione allo stato puro, passione per il mindset, passione nel parlare e nel raggiungere vette con un piano ben definito in testa.

Questo è Francesco Bruno, il poliglotta del Cilento che sogna in grande ed è già grande. Chissà cosa vedremo in futuro, nel frattempo non ci resta che aspettare il momento in cui il meglio arriverà( ed arriverà presto).

Pensare Minimal